lunedì 11 gennaio 2010

un'aula di arte

La scuola in cui lavoro quest'anno ha "dovuto" smantellare, o meglio, convertire in aula per ospitare una nuova classe prima, il laboratorio di arte.
Da quando ho accettato la supplenza annuale e sono venuta al corrente della immensa perdita mi sono mobilitata per riaverla.
Ho fatto di tutto: mi sono informata, ho prodotto progetti, ho chiesto, pregato e protestato, da sola, con altri colleghi e con gli studenti. Tutto al fine di arredare un'aula libera e innalzarla al rango di AULA-LABORATORIO: "LA STORIA A COLORI".
Il materiale che serve alla trasformazione è il seguente: computer, videoproiettore, collegamento ad internet oltre al muro bianco per la proiezione che già è disponibile ele sedie con ribalta per scrivere.
I soldi ci sono, il preside ha firmato. Tutto è a posto.
Oggi, 11 gennaio 2010, dopo oltre 4 mesi non c'è ancora niente.
Qualcuno vuole sapere il motivo?
Il direttore amministrativo non vuole! Il direttore amministrativo un giorno fa l'ordine del materiale e il giorno dopo lo disdice, il direttore amministrativo... no, dico, amministrativo...!

Domani andiamo agli Uffizi a Firenze: "Prof, finalmente, il nostro laboratorio!"
Alla faccia del direttore!